SPETTACOLI

21 novembre ore 11.30 TEATRO ZANDONAI – CHI AMA BRUCIA. DISCORSI AL LIMITE DELLA FRONTIERA

14691017_1280104082011638_5231293924257725699_n 1969294_10206237245558028_738992547847872961_n

con il patrocinio di Amnesty International

selezione Premio Dante Cappelletti 2013, Roma

vincitore Anteprima 2014 – Festival Collinarea – Lari (PI)

menzione giuria Scandalo! 2014 – (BZ)

vincitore Direction Under30, Teatro Sociale Gualtieri (RE)

vincitore Giuria Giornalisti Premio Nazionale Giovani Realtà del Teatro, (UD)

in scena Alice Conti

ideazione e regia Alice Conti
testo Chiara Zingariello
luci, audio, scene Alice Colla
costumi Eleonora Duse

assistente di produzione Valeria Zecchinato

uno spettacolo di ORTIKA, Torino
una produzione TrentoSpettacoli
con la complicità di Spazio Off (Trento), LAB121 (Milano)

Scenica Frammenti (Lari), Teatro Sociale Gualtieri (RE),
Lapsus club, Circolo Oltrepo’, Cavallerizza Reale Liberata, La Tana (Torino)
SCARICA LA PRESENTAZIONE CLICCANDO QUI CAB – PRESENTAZIONE 2015
L’indigeno è l’essere chiuso in un recinto _ F.Fanon
C’è un destino nell’assegnazione di uno spazio. Lo spazio definisce o meglio ridefinisce le persone che lo occupano. E in Italia mezzo milione di persone sono passibili di internamento fino a un anno e mezzo in un Campo come quello che la Crocerossina ci racconta qui: un Centro di Identificazione ed espulsione (CIE). Queste persone sono i clandestini, una categoria che questo luogo serve a creare e che non esiste se non in relazione a questo luogo. 
Tratto da una reale intervista a una lavoratrice del Campo, il primo Discorso al Limite della Frontiera vuole aprire uno squarcio su uno scenario invisibile della nostra contemporaneità. 
Il Campo introduce nello spazio civile della città, un’eccezione inquietante e antica: le persone vi sono recluse non per qualcosa che hanno fatto ma per qualcosa che sono.

Nel 2012 ho condotto una ricerca antropologica sul Centro di Identificazione ed Espulsione per stranieri di Torino – C.I.E. – i cui risultati sono stati pubblicati nella mia tesi di laurea specialistica. Da tempo mi affascina l’idea che la ricerca scientifica debba trovare il modo di comunicare, di rivolgersi ad un vero pubblico. Inoltre penso che il teatro debba nutrirsi di ciò che realmente accade nel mondo,della contemporaneità, e abbia il dovere illuminarne gli angoli scuri. Allo stesso tempo mi sembra che il teatro (che intendo come ricerca sull’umanità), abbia bisogno e debba avvicinarsi il più possibile ad una scienza, al suo tentativo metodologico di onestà ed esattezza, o perlomeno debba tentare di dire delle cose “vere”. Da questa consonanza e dalla necessità di dare corpo ad un materiale che sento il dovere di rendere pubblico nasce il progetto di spettacolo: “Chi ama brucia. Discorsi al limite della Frontiera” un monologo-intervista a diversi personaggi tra cui la Crocerossina, la Garante e l’Ospite/ gli esuli – che ho realmente incontrato e intervistato durante la ricerca. Il loro discorso si sviluppa intorno al C.I.E. che nella trasposizione teatrale chiameremo Campo.
[ Alice Conti ]
22 NOVEMBRE ORE 10.15 (primo spettacolo) e 11.15 (secondo spettacolo presso Sala Kennedy URBAN CENTER
 MAGICO CAMILLO SHOW
10305504_10204103847465330_1149774956058833203_n

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>